lunedì 23 luglio 2012

Abbecedario Culinario d'Italia: Riso e cozze alla pugliese

L'hanno già detto tante blogger prima di me, ma questo abbecedario ci piace perché si imparano un sacco di cose nuove, soprattutto se in una data città o regione non ci si è mai stati. Sì, perché la nostra eroina dovrà colmare tutte queste lacune prima o poi, infatti non è mai stata neanche in Puglia!

La nostra cultura musicale associa Otranto e la Puglia a questa canzone:

Che poi per me guidare in fondo è sempre stato un piacere 
così decido da solo dove mi devo fermare
ma qui mi pare che fermarsi sia come morire
e anche se Otranto mi guarda non la voglio sentire
così proseguo in questo viaggio in questa Puglia infinita 
e inizio inevitabilmente a ripensare alla vita
non ho la forza di soffocare i pensieri
chi sa se accelerando tornano un po' più leggeri. 
[Me fece mele a chepa - D. Silvestri]

anche se in realtà a pensarci bene, la Puglia tutta intera ci fa tornare in mente quest'altra canzone:

Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia
dove la notte è buia buia buia.
Tanto che chiudi le palpebre e non le riapri più.
Vieni a ballare e grattati le palle pure tu
che devi ballare in Puglia Puglia Puglia,
tremulo come una foglia foglia foglia.
Tieni la testa alta quando passi vicino alla gru
perché può capitare che si stacchi e venga giù.

Dopo questa parentesi musicale, arriviamo alla ricetta. Per la O non sapevamo proprio che fare, così abbiamo sfogliato il nostro libro da cui abbiamo già attinto e abbiamo visto la ricetta delle cozze gratinate e siccome le cozze gratinate (anche se in maniera diversa) si fanno anche in Sardegna (eccole!) ci siamo chiesti. Ma sarà veramente una ricetta tipica? Così cerchiamo in rete e Google ci porta qui...ricetta pugliese e interessantissima! Non abbiamo scoperto se le cozze gratinate sono così tipiche di Bari e della Puglia, probabilmente sì...però la nostra ricetta per l'abbecedario eccola qui!

E voi non state lì a guardare, avete tempo sino a domenica per mandare la vostra ricetta a Patrizia, lasciando un commento a questo post!

Ingredienti (per 6 persone): 

  • 700 gr. di cozze
  • 500 gr. di pomodorini ciliegia pugliesi
  • 400 gr. di cipolle
  • 300 gr. di riso Carnaroli
  • 4 patate medie
  • 40 gr. di pecorino grattugiato
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe
Preparazione:
Raschiate le cozze con l’apposita spazzolina sotto l’acqua corrente per eliminare le incrostazioni di sabbia e risciacquatele accuratamente. Eliminate il bisso. Scartate le conchiglie non perfettamente chiuse e integre. Mettete in padella le altre cozze con poco vino bianco e sale e fatele aprire a fuoco dolce; eliminate quelle rimaste chiuse. Sbucciate le cipolle e affettatele; sbucciate anche l’aglio e tritatelo insieme con il prezzemolo mondato e lavato. Sciacquate sotto l’acqua corrente i pomodorini, privateli del picciolo e riduceteli a pezzetti, dopo aver eliminato i semi. In una teglia dai bordi piuttosto alti versate un filo di olio, le cipolle affettate, metà del trito di prezzemolo e aglio e metà dei pomodorini. Regolate di sale e pepe e insaporite con il pecorino grattugiato. Lavate, pelate e affettate le patate, lavate il riso sotto l’acqua fredda corrente e scolatelo. Disponete nella teglia due terzi delle patate, poi il riso e infine le cozze, appoggiate dalla parte del guscio; spolverizzate con il resto del trito di aglio e prezzemolo e completate con le patate e i pomodorini rimasti. Salate, pepate, irrorate con un filo di olio extravergine di oliva e bagnate con 8 dl di acqua. Infornate a 180 °C per 40 minuti. Poco prima di togliere la teglia dal forno, controllate che il riso sia cotto al dente; se necessario, aggiungete qualche cucchiaio di acqua e prolungate la cottura. Servite portando in tavola la teglia ben calda.


Otranto

4 commenti:

  1. A chi lo dici!!!
    MI sto divertendo un sacco, anche se faccio ricettine molto semplici, facili e poco impegnative.
    Ma ieri per l'abbecedario ho fritto!! Mi sa che era la prima volta e ci siete voluti voi e l'abbecedario per farmi provare.
    O come OOOOOOOOO quanto mi diverto!!
    Bellissima profumatissima ricetta!
    baciusss
    brii

    RispondiElimina
  2. cari, avete fatto patate riso e cozze!!! Pensate che io non le ho mai fatte da sola, ma solo u na volta con la mia mamma. Voi siete stati bravissimi, solo un appuntino: le cosse andrebbero aperte a crudo, cosa che mia madre e tutte le mamme baresi fanno con disinvoltura, ma che non è proprio facilissima, quindi va bene anche così.
    Ti metto il link del post a sei mani con patate riso e cozze fatto da mia mamma, con la collaborazione mia e di mio padre

    http://unfiloderbacipollina.blogspot.it/2008/09/e-finita-lestate-francamente-me-ne.html

    Un abbracciO!!

    RispondiElimina
  3. mamma mia io ho una nostalgia della Puglia....e ci sono stata una volta sola....e il sapore della Puglia è unico .... grazie per l'intro musicale :)

    RispondiElimina
  4. Anche a me è stato fatto l'appunto delle cozze aperte a crudo...dovremo provare che ne dici? io devo pure valutare meglio la cottura....proverò le tue indicazioni...baci elena

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!