venerdì 21 novembre 2014

L'Abbecedario Culinario Mondiale: Lamingtons

In English below ;-)

La carovana dell'abbecedario si è spostata in Australia e stavolta a guidarci sapientemente è Haalo.
In Trattoria per questa tappa ci siamo organizzati e siamo andati a cercare gli aiuti da casa. Sì, perché nel mondo di cervelli in fuga, c'è anche chi dalla Sardegna se ne va in Australia (giusto dietro l'angolo) e quindi quale persona migliore a cui scrivere per avere un consiglio sulla cucina australiana? (Grazie alle reti sociali che rendono unite le persone socievoli!)

E il nostro amico l'impegno ce l'ha messo tutto e non si è certo fermato a chi gli ha detto che l'Australia non ha ricette tipiche o che la ricetta tipica è lanciare la carne sul bbq (sì, lanciare!). Così ha continuato a chiedere sinché non gli hanno suggerito i lamingtons e lui preoccupato ha detto ad Aiu' "spero che un dolce vada bene". Eccerto che un dolce va bene! Quindi insomma menzione speciale al sardo-australiano, grazie Ale!


Lui stesso aveva fornito il link a una ricetta, ma Aiu' ha cercato un po' pure lei e alla fine ha optato per dare un'opportunità a quel bel faccione di Jamie Oliver. In realtà Aiu' ha pensato "se le ricette australiane di Jamie sono fedeli come le ricette italiane di Jamie, good luck!". Ma diamogliela una possibilità al giovane chef. Che poi nel suo sito abbiamo trovato questa, ovvero una ricetta di una canadese. Per aumentare l'internazionalità, qualora Italia, Inghilterra, Canada  e Spagna non fossero sufficienti, Aiu' ha preparato i lamingtons con il noto Tonifaste, notoriamente svizzero...


In tutto questo serviva infine il parere di un indigeno e così dato che alcuni cervelli fuggono dall'Italia, ma altri si muovono da altri paesi (notate la finezza verbale!) e, dato che tra i colleghi/amici di Aiu' c'è pure un australiano, quale persona migliore per avere un parere? Prova lamingtons superata a pieni voti! Bravo Jamie e bravi noi :-)

Ingredienti:
  • per la torta:
    • 4 uova
    • 200 gr. di zucchero granulato
    • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
    • 200 gr. di farina
    • 1 cucchiaino e mezzo di lievito
    • 110 gr. di burro, ammorbidito e freddo
  • per la copertura:
    • 75 gr. di burro
    • 250 gr. di latte
    • 65 gr. di cacao amaro in polvere
    • 435 gr. di zucchero a velo
  • per la guarnizione:
    • 500 gr. di cocco in scaglie
Preparazione:
Torta. Preriscaldate il forno a 180¨. Mettete un foglio di carta forno sulla base di una tortiera di 20cm x 30cm. In un recipiente capiente, sbattete le uova, lo zucchero e la vaniglia per circa 3 minuti. Mischiate la farina con il lievito e aggiungetela al composto di uova e zucchero setacciandola in modo da non formare grumi. Aggiungete il burro, mischiate lentamente con una spatola da cucina e quando saranno complemente mischiati, versate il composto nella tortiera. Cuocete per 25 minuti e togliete dal forno dopo aver fatto la prova stecchino. Fate raffreddare la torta, quindi dividetela in cubetti di circa 4-5 cm. per lato. Fate quindi raffreddare.


Copertura. In una casseruola capiente fate sciogliere il burro a fuoco basso, quindi aggiungete il latte. Successivamente, aggiungete il cacao setacciato e lavoratelo continuamente con una frusta. Quando il cacao sarà completamente sciolto, versate lo zucchero a velo e continuate a lavorare costantemente con la frusta, in modo che non si formino grumi. Quando tutto lo zucchero sarà mischiato, mettete il composto in due recipienti separati.


Assemblaggio. Immergete ciascun cubetto nel composto di zucchero e cacao, quindi passatelo sul cocco in scaglie. Quando il primo recipiente di cacao/zucchero sarà pieno di briciole, passate all'atro recipiente. Fate raffreddare i cubetti prima di servire.


Now in English!

The ABC caravan moved to Australia and now is Haalo that guides the game.
In the Trattoria for this stop, we looked for some suitable helps. Yes, because, you know, a lot of brains move from Italy and in that escape, there is also somebody that from Sardinia goes to Australia (just, around the corner!). So, why not to interview a sardo-australian to know about typical Aussie recipes? (Thanks to social networks that keep in touch social people!)

Our friend took very seriously his role and he didn't stop to whom said that in Australia there are not typical recipes or that the most typical one is to throw (!) the meat on the bbq! Hence, he searched for until they suggested him the lamingtons. Thus, he came back to Aiu' hoping that a cake recipe was ok. Of course it is! So thanks a lot Ale!!!



He also gave us a recipe of lamington, anyway Aiu' made a search and, at the end, she decided to give an opportunity to Jamie Oliver. We must say that Aiu' was a little bit worried. In fact, she thought "and what if Aussie recipes from Jamie are not so authentic as the Italian ones?" Moreover, the recipe is this one, that it means that it is from a Canadian.
For the sake of internationality, if Italy, U.K., Canada and Spain are not enough, Aiu' prepared the lamingtons together with the well-known Tonifaste that, you know, is from Switzerland!




To conclude in the best way, we asked to an Australian guy, a colleague and friend of Aiu', to try the lamington for saying if there were like the original ones or not... We passed the exam with very good punctuation! Well done Jamie and also us! :-)

Ingredients:
  • for the cake:
    • 4 eggs 
    • 200 gr. granulated sugar 
    • 1 teaspoon vanilla extract 
    • 200 gr. all-purpose (plain) flour 
    • 1 ½ teaspoons baking powder 
    • 110 gr. butter, melted and cooled 
  • for the icing: 
    • 75 gr. unsalted butter 
    • 250 ml milk 
    • 65 gr. cocoa powder 
    • 435 gr. icing sugar 
  • to assemble:
    • 500 gr. desiccated coconut
Method:
Cake. Preheat the oven to 350˚F/180˚C/gas 4. Grease and flour a 20cm x 30cm pan, lining the base of the pan with parchment paper. Beat the eggs, sugar and vanilla in a large bowl with an hand mixer (medium-high speed) until pale and thick (around 3 minutes). Sift the flour and baking powder over the egg and sugar mixture and use a rubber spatula to gently combine the dry ingredients. Add the melted butter, about ⅓at a time, gently mixing with a rubber spatula until completely combined, then pour the mixture into the prepared pan. Bake for 25 minutes, or until a skewer inserted into the middle of the cake comes out clean. The cake should spring back when lightly touched in the centre. Turn cake onto a wire rack to cool. Cut cake into even, bit-sized pieces about 4-5cm. You will probably end up discarding the edge pieces, as they won’t be completely square. At this stage you can refrigerate the cake for a few hours or leave the cake overnight in an airtight container, because a slightly less fresh cake will be easier to dip in the chocolate icing. When you are ready to dip the cakes, set up an area large enough to accommodate bowls for the cake pieces, the chocolate icing, the coconut and also a large tray topped with parchment paper and a cooling rack. You will need to work quickly to dip the cakes so having everything organised in advance will help.


Icing. Sift the icing sugar and the cocoa powder into two different bowls. In a large saucepan, melt the butter, then mix in the milk. Next, using a whisk to stir, start to add the cocoa powder. Once the cocoa powder is completely dissolved, add the icing sugar about a cup at a time, whisking constantly to prevent lumps. When all the icing sugar is combined, pour the chocolate mix into two separate bowls – that way when one mix gets full of crumbs you can switch to the next one.


Assemble. Working quickly, using a fork, dip the cake cubes into the chocolate mix and roll them around with the tines of the fork to completely coat. Drain any excess mixture off the cakes then drop them in the coconut and roll them around lightly to coat evenly with coconut. Set the cake cubes on the cooling rack placed over parchment paper to drain. You can refrigerate the cakes to help set the icing, then bring them to room temperature before serving.

domenica 16 novembre 2014

L'Abbecedario Culinario Mondiale di Elastic Woman: Dum Aloo

Abajo en español ;-)

Eccoci alla B di Balarampur con una sorpresa, Cinzia, sei pronta?


La nostra Elastic Woman, dopo aver fatto da cavia e da co-cuoca in non sappiamo più quante ricette dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea (nome più lungo, no?) e dopo aver partecipato in qualità di ospite nonché fotografa al raduno delle nostre blogger viaggiatrici, ha detto "e se partecipassi anche io all'abbecedario?". Così, anche se si è persa la A, per la B abbiamo una new entry. La nostra Elastic Woman ha mandato ricetta e foto ad Aiu' e sul filo del rasoio partecipa anche lei a questa tappa. La speranza è che faccia le valigie ogni 3 settimane e che viaggi con noi ancora e ancora di più.

La ricetta la nostra eroina l'ha presa qui e noi la riportiamo così come EW ce l'ha mandata.

Ingredienti:
  • 15 patate piccole
  • 1 cipolla grande
  • 1 cagliata
  • 1 foglia di alloro
  • 1 cucchiaino di polvere di chili rosso
  • 1/4 di cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaino di pasta di "ginger garlic"
  • 1 bustina di cardamomo verde
  • 1/2 cucchiaino di cumino in bacche
  • 1 stecca piccola di cannella
  • 4 chiodi di garofano
  • 8/10 anacardi
  • 1/2 cucchiaio di Kasuri Methi
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 5 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di foglie di coriandolo tritate
  • sale
Preparazione:
Cuocete le patate con la buccia. Cuando sono pronto, scolatele e pelatele. In una padella mettete due cucchiai di olio, aggiungete le patate e lasciate che raggiungano un colore brunito. Cuando sono pronte, togliete dal fuoco. A parte, tritate la cannella, i chiodi di garofano, il cardamomo, gli anacardi e il cumino. In una padella mettete il restante olio e una volta che è caldo, friggete la cipolla trittata finemente assieme con l'alloro. Una volta che sarà ben dorata, aggiungete la pasta di ginger garlic e rimestate per circa 30 secondi. Aggiungete quindi le spezie tritate e mischiate bene per 1 minuto. Aggiungete quindi la polvere di chili e la curcuma. Mescolate per 2-3 minuti sino a che l'olio inizia separarsi. Aggiungete le patate, il sale, lo zucchero e il Kasuri Merhi. Lasciate cucinare a fuoco lento per 2 minuti. Aggiungete 3/4 di bicchiere di acqua e lasciate cuocere sino a raggiungimento della cottura. Una volta pronto, togliere dal fuoco e servire.


¡Ahora en español!

Estamos a la B de Balarampur y tenemos una sorpresa, Cinzia, ¿estás lista?


Nuestra querida Elastic Woman, después de haber hecho de conejillo de India (India?) y de co-cocinera en no sabemos cuantas recetas de el Abbecedario Culinario della Comunità Europea (esto no lo voy a traducir, toma ya!) y después de haber participado como huésped y, más importante, como fotógrafa a la reunión de las bloggers viajadoras, ha dicho "¿y si participo a el abecedario como cocinera?". Así que, aunque la A se la ha perdida, a la B ¡tenemos una "new entry" en nuestro abecedario! Sí, nuestra querida EW ha enviado la receta y la foto a Aiu' (¡justo en el último día!) y participa a esta etapa. Ahora esperamos que EW haga las maletas cada 3 semanas y se venga de viaje con nosotras cada vez más y mejor.

La receta EW la ha encontrada aquí y nosotros os la proponemos así como ella nos la ha enviada.

Ingredientes:
  • 15 patatas pequeñas 
  • 1 cebolla grande 
  • 1 cuajada 
  • 1 hoja de laurel 
  • 1 cucharilla de café de red chili powder 
  • 1/4 de cucharilla de café de cúrcuma 
  • 1 cucharada de Ginger Garlic Paste 
  • 1 vaina de cardamomo verde 
  • 1/2 cucharada de cafe de comino en grano 
  • 1 rama pequeña de canela 
  • 4 clavos 
  • 8/10 anacardos 
  • 1/2 cucharada de Kasuri Methi 
  • 1 cucharada de cafe de azúcar 
  • 5 cucharadas de aceite 
  • 2 cucharadas de hojas de coriander picadas
  • sal
Preparación:
Cocer las patatas con piel. Cuando estén listas, escurrir y pelar. En una sartén con dos cucharadas de aceite, añadir las patatas y dejar que tomen un color tostado. Cuando estén listas, retirar del fuego. En una picadora añadir la canela, los clavos, el cardamomo, los anacados y el comino. Picar. En una sartén, añadir las tres cucharadas restantes de aceite y una vez esté caliente freir la cebolla picada finamente con el laurel. Cuando esté bien pochada, añadir la Ginge Garlic Paste y remover durante unos 30 segundos. Incorporamos la mezcla de especias de la picadora y removemos durante un minuto. En un tazón batimos la cuajada y la vertemos lentamente a la sartén. Seguidamente añadimos el red chili powder y la cúrcuma. Remover durante 2-3 minutos hasta que el aceite comience a separarse. Incorporamos las patatas en la sartén con la sal, el azúcar y Kasuri Merhi. Dejamos cocinar a fuego lento por un par de minutos. Añadimos 3/4 de un vaso de agua y dejamos cocer hasta que tome la textura deseada. Una vez listo, retirar del fuego y servir.

venerdì 14 novembre 2014

L'Abbecedario Culinario Mondiale: Biryani chicken

Abajo en español ;-)

Arrivati alla B di Balarampur nel nostro meraviglioso abbecedario con la guida di Cinzia, la nostra Aiu' ha pensato ai tanti ristoranti indiani visti a Londra e di tutte le volte che nei supermercati di Londra si era imbattuta in prodotti per la cucina indiana, spezie e non solo. Così ha aperto uno dei suoi libri inglesi (dei pochi presenti nella Trattoria odierna) per vedere se ci fosse qualche ricettuzza indiana. Nel libro la ricettuzza non c'era mica, ma in un certo senso c'era, perché la nostra Aiu' ha trovato questo


Questo mix di spezie, regalo di Uncle di qualche vita fa, portava al suo interno, oltre alle spezie, la ricetta del biryani chicken, poteva Aiu' non provarla? Del resto cercava giusto una ricettuzza!


Ingredienti (per 4 persone):
  • 450 gr. di pollo disossato
  • 200 gr. di riso basmati
  • 150 gr. di verdure miste
  • 1 cipolla grande
  • 400 gr. di pomodori pelati
  • 4 spicchi d'aglio
  • 2 peperoni chili piccoli
  • foglie di coriandolo fresco
  • olio
  • sale
  • succo di limone
  • cardamomo
  • chiodi di garofano
  • turmeric
  • cumino
  • coriandolo
  • finocchio in polvere
  • cannella
  • garam masala
Preparazione:
Lavate il riso e lasciatelo in acqua per 10 minuti. Pulite e tagliate il pollo in piccoli pezzi. Tagliate la cipolla ad anelli e separateli. Sminuzzate i chili e l'aglio.
Mettete due cucchiai di olio in una padella abbondante a fuoco medio, versatevi il cardamomo e i chiodi di garofano. Dopo pochi secondi aggiungete i chili e l'aglio, soffriggete per 20 secondi, quindi aggiungete i pomodori e mischiate bene per 1 minuto.
Aggiungete il turmeric, il cumino, il coriandolo e salate. Coprite e fate cuocere per 3-4 minuti a fuoco basso, mischiando di quando in quando. Scolate quindi il riso.
Nella padella, aggiungete la cannella, il finocchio, il riso, il pollo e le verdure. Versate 200  ml. di acqua, fate arrivare a ebollizione, quindi abbassate la fiamma, coprite e cuocete per 12 minuti.
In un'altra padella, fate friggere gli anelli di cipolla sinché non saranno bruniti. 
Togliete il biryani dal fuoco quando il riso è ancora al dente e la maggior parte dell'acqua assorbita. Condite con le foglie di coriandolo e le cipolle. Prima di servire, aggiungete un poco di succo di limone e il garam masala.


Ahora en español

Al llegar a la B de Balarampur en nuestro maravilloso abecedario conducido por Cinzia, Aiu' ha pensado en los muchos restaurantes indios en Londres y en todas las veces que en los supermercados de Londres había encontrado los productos para la comida india, especias y no solo. Así que abrió uno de sus libros ingleses (de los pocos en la Trattoria de hoy) para ver si había alguna recetita de la India. En el libro, no había la ricetita, pero en un cierto sentido sí que había, porque Aiu' ha encontrado este



Este mix de especias, regalo de Uncle hace unas cuantas vidas, tenía por dentro, aparte de las especias, la receta del biryani chicken, podía Aiu' pasar de probarla? Claro que no, ¡ella buscaba justo una recetita!



Ingredientes (para 4 personas):
  • 450 gr. pollo sin hueso
  • 200 g. arroz basmati
  • 150 gr. vegetales mixtos
  • 1 cebolla grande
  • 400 g. tomates pelados
  • 4 dientes de ajo
  • 2 pequeños chiles
  • hojas de cilantro frescas
  • aceite
  • sal
  • zumo de limón
  • cardamomo
  • clavos
  • cúrcuma
  • comino
  • cilantro
  • hinojo
  • canela
  • garam masala
Elaboración:
Lavar el arroz y dejarlo en agua durante 10 minutos. Limpiar y cortar el pollo en trozos pequeños. Cortar la cebolla en rodajas y separarlas. Picar el chile y el ajo.
Poner dos cucharadas de aceite en una sartén abundante a fuego medio, verter el cardamomo y clavo de olor. Después de unos segundos, agregar los chiles y el ajo, freír durante 20 segundos, a continuación, añadir los tomates y mezclar bien durante 1 minuto.
Añadir la cúrcuma, el comino, el cilantro y la sal. Tapar y cocinar durante 3-4 minutos a fuego lento, mezclando de vez en cuando. Escurrir el arroz.
En una sartén, agregar la canela, hinojo, arroz, pollo y verduras. Verter 200 ml. de agua, portar a ebullición, bajar el fuego, tapar y cocinar durante 12 minutos.
En otra sartén, freír las rodajas de cebolla hasta que se vuelven de color marrón.
Retirar del fuego cuando el arroz biryani está al dente y la mayor parte del agua absorbida. Sazonar con hojas de cilantro y cebolla. Antes de servir, agregar un poco de jugo de limón y el garam masala.




mercoledì 12 novembre 2014

L'Abbecedario Culinario Mondiale: Naan

Abajo en español ;-)

Correva l'anno 2011 e Aiu' senza correre preparò i naan per il WBD 2011. Perché i naan? Perché aveva provato tempo prima un preparato e il risultato le era piaciuto e, piacendole i pani piani (ci piace questo giochino di parole, sappiatelo), ha detto "lo voglio fare senza trucco e senza inganno", ovvero senza preparato e partendo dagli ingredienti veri. Così la nostra testarda trattora provò i naan e oggi che il nostro abbecedario ancora per qualche giorno vaga per l'India condotto dalla nostra Cinzia, ne approfittiamo per parlare ancora di loro :-)



Ingredienti: 

  • 280 gr. di farina 
  • 1 cucchiaino di lievito secco 
  • 1 cucchiaino di sale 
  • 1 cucchiaino di zucchero 
  • 1 pizzico di bicarbonato 
  • 2 cucchiai di olio 
  • 2 cucchiai e mezzo di yogurt bianco 
  • 105 gr. di acqua tiepida 
  • 1 cucchiaio di burro 
  • farina per la spianatoia 

Preparazione: 
Sciogliete il lievito nell'acqua tiepida e lasciate riposare per 10 minuti. Mischiate la farina, lo zucchero, il sale e il bicarbonato e mischiate bene. Aggiungete l'olio e lo yogurt e lavorate per qualche minuto. Aggiungete quindi l'acqua e il lievito e lavorate fino a ottenere un composto omogeneo e soffice. Lasciate riposare per 3-4 ore in un luogo tiepido. Trascorso questo tempo l'impasto sarà circa raddoppiato. Riscaldate il forno a 260° C con la pietra refrattaria nella parte alta del forno. Dividete quindi l'impasto in 6 parti uguali, spianate i panetti in modo da formare dei cerchi di circa 20 cm. di diametro. Prima di mettere il naan nel forno, inumidite leggermente le mani, prendete il naan tra i palmi delle mani e mettetelo sopra la pietra refrattaria nel forno. Fate cuocere per circa 2-3 minuti. Una volta tolto dal forno, passateci sopra un po' di burro e conservate al caldo prima di servire.



¡Ahora en español!

Era el año 2011 y Aiu' probó los naan en ocasión del WBD 2011. Porque los naan? Porqué hacía tiempo que había probado a hacerlos con un preparado comprado al supermercado. Así que sabiendo que los naan le gustaban y gustandole en general los panes planos (en Italiano hay un juego de palabras muy bonito), estaba decidida en probarlos desde cero a partir de los ingredientes de verdad. Así fue que la testaruda de la Trattoria probó los naan y hoy aparecen otra vez aprovechando que el abecedario sigue en la India conducido por Cinzia.



Ingredientes: 
  • 280 gr. de harina 
  • 1 cucharita de levadura en polvo 
  • 1 cucharita de sal 
  • 1 cucharita de ázucar 
  • 1 pizca de bicarbonato de soda 
  • 2 cucharas de aceite 
  • 2 cucharas y medio de yogur blanco 
  • 105 gr. de agua tibia 
  • 1 cuchara de mantequilla 
  • harina para el plano de trabajo 
Elaboración: 
Disolver la levadura en agua tibia y dejar reposar durante 10 minutos. Mezclar la harina, el azúcar, la sal y el bicarbonato de soda y mezclar bien. Añadir el aceite y el yogur y amasar durante unos minutos. A continuación, añadir el agua y la levadura y amasar hasta que la mezcla esté suave y esponjosa. Dejar reposar durante 3-4 horas en un lugar cálido. Después de este tiempo la masa se habrá doblado. Precalentar el horno a 260°C, con la piedra refractaria en la parte superior del horno. Después, dividir la masa en 6 partes iguales, aplanar las bolas de masa para formar círculos de unos 20 cm. de diámetro. Antes de poner el naan en horno, humedecer ligeramente las manos, tomar el pan entre sus palmas y ponerlo en el horno. Cocinar durante unos 2-3 minutos. Una vez retirado del horno, terminar con un poco de mantequilla caliente antes de servir.



lunedì 10 novembre 2014

L'Abbecedario Culinario Mondiale: Pakora

Abajo en español ;-)

Quali piatti si possono preparare con la farina di ceci? Se lo chiedete a un sassarese vi risponderà, orgogliosissimo, il fainè! Se lo chiedete a un siciliano vi risponderà, anch'egli orgogliosissimo, le panelle! Se lo chiedete a un indiano probabilmente vi troverà più di una ricetta e probabilmente tra di esse ci saranno i pakora. Noi dei pakora non conoscevamo l'esistenza fintanto che la nostra Brii non ci sfogliò (virtualmente) il suo libro di street food alla categoria "India". Così, quando Aiu', a cui piace il fainè e a cui piacciono tantissimo le panelle, ha letto "farina di ceci" tra gli ingredienti, sapeva già che quella che aveva davanti era la ricetta da provare! Detto e fatto!


Per chi si fosse perso o fosse tornato oggi da un viaggio nel tempo, il nostro abbecedario trascorre la sua ultima settimana in India, ospitato dalla carissima Cinzia!

Ingredienti (per 4 persone):
  • 350 gr. di farina di ceci
  • 1 cucchiaino di peperoncino
  • sale
  • 1 tazza di patate affettate
  • 4 cucchiai di foglie di coriandolo tritate
  • 2 cucchiai di fieno greco secco (facoltativo, noi non lo abbiamo usato)
  • olio per friggere

Preparazione:
Mischiate la farina con il sale e le spezie, quindi aggiungete le patate. Mischiate bene e lasciate riposare 10 minuti. Trascorso quel tempo, aggiungete l'acqua a poco a poco in modo da formare un impasto denso.
Mettete l'olio in una padella, portatelo in temperatura, quindi versatevi il composto una cucchiaiata alla volta. Cuando sono dorati su entrambi i lati, metteteli su uno strato di carta assorbente perché perdano l'olio in eccesso e servite caldi.



Ahora en español!

Que platos se pueden hacer con la harina de garbanzos? Si lo preguntáis a una persona de Sassari (en Italia, mejor, en Cerdeña) os contestará, muy orgulloso además, el fainé! Si lo preguntáis a una persona de Sicilia os contestará, también muy orgulloso, las panelle! Y si preguntáis a un indi? Probablemente os nombrará más recetas y probablemente entre otras los pakora! Nosotros que existía algo llamado pakora no lo sabíamos hasta que nuestra amiga Brii nos compartió su libro de recetas de street food y entre las recetas de la India, estaban ellos. Y Aiu' que le gusta el fainé y muchísimo las panelle, en leer "harina de garbanzos" ya se veía allí probando la receta. Dicho y hecho, toma ya!


Si alguien se ha perdido algo o acaba de volver de un viaje en el tempo, os recordamos que nuestro abecedario está por su última semana en la India con nuestra embajadora Cinzia!

Ingredientes (para 4 personas):
  • 350 gr. de harina di garbanzos
  • 1 cucharita de pimenta
  • sal
  • 1 taza de patatas en rodajas
  • 4 cucharas de hojas picadas de coriander
  • 2 cucharas de heno griego seco (opcional, nosotros no lo hemos puesto)
  • aceite de freír
Elaboración:
Mezclar la harina con la sal y las especias, a continuación, añadir las patatas. Mezclar bien y dejar reposar 10 minutos. Después de ese tiempo, añadir el agua de forma gradual para formar una pasta espesa.
Poner el aceite en una sartén, portar a temperatura, a continuación, verter la mezcla una cucharada a la vez. Cuando estén dorado por ambos lados, poner en una capa de toallas de papel para perder el exceso de aceite. Servir caliente.