mercoledì 3 novembre 2010

Le mecredi français: La tarte flambée

La ricetta di oggi ci riporta ancora una volta e per l'ultima volta al Giro di Gallia virtuale che Trattori e clienti fedeli hanno effettuato quest'estate a Villa Cobolda.

Aiuolik e Uncle avevano già mangiato questa "tarte" in un locale di Heidelberg in compagnia dello zio Luca nel lontano 2004. Qualche anno dopo la nostra eroina la mangiò direttamente a Strasburgo in compagnia di Francesca e Alex, come documentato in questo post e in questa immagine:


In quella occasione, Aiuolik inviò una cartolina a Shaghy con la ricetta della tarte flambée stampata sopra... Poteva dunque mancare questa "tarte" nel nostro giro? Ovviamente no!

Siccome la tarte è, alla fin fine, una specie di pizza, l'onore di realizzarla è stato lasciato al nostro pizzaiolo di fiducia: Uncle! Rispetto alla ricetta della cartolina il nostro pizzaiolo ha apportato qualche modifica, per cui vi riportiamo dosi e procedimento così come da tarte mangiata da noi personalmente (come sempre del resto!).

Ingredienti per la pasta (per 8 tarte):
  • 400 gr. di farina 0
  • 200 gr. di acqua
  • 25 gr. di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di sale
Ingredienti per la farcitura (per 8 tarte):
  • 25 gr. di burro
  • 2 cipolle grandi
  • 40 gr. di panna da cucina
  • 200 gr. di pancetta affumicata
  • sale
  • pepe
  • olio extra-vergine d'oliva

Preparazione:
Mettete nell'impastatrice la farina, il sale e aggiungete quindi l'acqua tiepida in cui avrete fatto sciogliere il lievito. Fate lavorare sino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Formate una palla e mettete a riposare per circa 1 ora e mezza in un luogo a temperatura costante di circa 35-40°C.

Preparate la farcitura, fate appassire le cipolle tagliate fini in poco olio, aggiungete quindi la panna e la pancetta e fate insaporire. 

Dividete l'impasto in 8 pagnotte uguali, stendete ciascuna pagnotta su un piano infarinato e formate la tarte. Condite con la farcitura e mettete nel fornetto da pizza per 4 minuti.

Nota: se non siete felici possessori di un fornetto da pizza, cuocete come di consueto nel forno tradizionale.

Au revoir!

11 commenti:

  1. Bisogna replicare al più presto in terra di Gallia :-))

    RispondiElimina
  2. Ma che buona! Sono appena le 10.40 del mattino ma ho l'acquolina!! Bravi i "trattori"! Un abbraccio, Sara

    RispondiElimina
  3. e vai di panna e pancetta e non ci pensiamo piu', la vorrei subito :)

    RispondiElimina
  4. Wow!Mai sentita,ma ha un aspetto godurioso!
    Gnam,slurrp,chomp,bacio.

    RispondiElimina
  5. Carissima, panna e pancetta, ma allora mi vuoi corrompere Luca, giusto ieri gli dicevo che dopo tutti i nostri ultimi stravizi ci dobbiamo concedere una settimana più leggera e tu cosa post? Grandiosa ricetta che non possiamo non copiare, ma la settimana prossima!
    Baciotti e buon mercoledì
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. Che buona.....sai che non l'ho mai mangiata?
    Mi sembra una cosa fantastica.....
    Me la segno percè è davvero particolare..
    prima o poi anch'io dovrò mettermi un pò a dieta. Da quando ho il blog è un disastro che sembra andare sempre peggio....
    Aiutoooooooooooooo
    Ma come fate voi?
    Scusa la divagazione eh.....
    Un bacione e mi copio la ricetta.
    Baci

    RispondiElimina
  7. non so se è più veloce andare in francia o venire da te per provare la torta! bacio

    RispondiElimina
  8. Grazie per essere passati a trovarmi...mi ha fatto davvero piacere e quante belle ricette qui!!!Vi aspetto allora per il contest...un grosso bacio!!!

    RispondiElimina
  9. Questa sì che è una tentazione :-)

    ps: Niente consegna a domicilio? ... peccato

    RispondiElimina
  10. bello
    mi ricorda le capatine fatte in francia negli anni passati

    ha proprio una bella faccia!!!

    copiata la ricetta!

    NC

    RispondiElimina
  11. ho proprio un bel ricordo di quel pranzo al 'Au Canon', posto che sia a me che a Carlo ci piace per il mangiare e la birra 1664 blanche, buonissima. Quando ripasserai da queste parti? Chiamiamo Alex e vi faccio provare magari un ristorante très alsacien, che ne dici? Baci!

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!