lunedì 16 novembre 2009

The Aiuolik Innkeeper's Project: Principii

We've come so far
To hear the words
Of hope and consolation
With no star to guide us through the night

Avete mai sentito di Superman o Spiderman impossibilitati a salvare il mondo per una slogatura? Gli eroi non si fermano davanti a niente e quindi anche la nostra Aiuolik continua la sua sfida senza guardare in faccia nessuno (e nessuna caviglia). Eccoci dunque alla materia "Principii" (che oggigiorno chiameremmo più banalmente, antipasti). Ci voleva sua Maestà per far tornare sui piatti della Trattoria un po' di baccalà. Forse voi non l'avrete notato, ma in quasi 1000 giorni e più di 700 post, il baccalà non c'è mai (se non nella parentesi portoghese). Magari non piace ai Trattori, potreste pensare...e invece ai Trattori piace, eccome! Morale della favola, quando Aiuolik si è messa lì a decidere che principio scegliere per confrontarsi con sua Maestà non ha avuto dubbi!

BACCALA' MONTEBIANCO

Com'è bizzarra la nomenclatura della cucina! Perché montebianco e non montegiallo, come apparisce dal suo colore quando questo piatto è formato? E i Francesi come hanno potuto, facendosi belli di un traslato de' più arditi, stiracchiare il vocabolo corrispondente in Brandade de morue? Brandade, dicono essi, deriva da brandir, muovere, scuotere, vibrare una spada, un'alabarda, una lancia ed armi simili, e infatti qui si brandisce; ma che cosa? Un povero mestolo di legno. Non si può negare che i Francesi non sieno ingegnosi in tutto!

Ingredienti (per 8 persone):
  • 500 gr. di baccalà polputo e ammollito (*)
  • 200 gr. di olio sopraffino
  • 1 dl. di panna o latte eccellente
(*) La detta quantità nettata dalla spina, dalle lische, dalla pelle e dai nerbetti, che si presentano come fili, rimarrà al pulito grammi 340 circa.

Preparazione:
Dopo averlo così curato, pestatelo nel mortaio e poi ponetelo in una cazzaruola, insieme con la panna, sopra a un fuoco non troppo ardente, rimestando continuamente. Quando avrà assorbito la panna, o latte che sia, cominciate a versar l'olio a centellini per volta, come fareste per la maionese, sempre lavorandolo molto con l'arma brandita, cioè col mestolo, onde si affini e non impazzisca. Levatelo quando vi parrà cotto al punto e servitelo freddo con un contorno di tartufi crudi tagliati a fette sottilissime, oppure con crostini di pane fritto, o crostini di caviale. Se è venuto bene non deve ributtar l'olio quando è nel piatto.

Il tocco di Aiuolik:
Qui in Sardegna, capite bene che è a dir poco impossibile servirlo in contorno di tartufi, per cui abbiamo optato per dei crostini di uova di lompo (il caviale dei poveri), acciughe e burro, come insegna sua Maestà.
Per quanto riguarda il baccalà, ricordatevi di acquistarlo 3-4 giorni prima del suo utilizzo e di lasciarlo in ammollo tutto il tempo avendo cura di cambiare l'acqua giornalmente.

CROSTINI CAVIALE, ACCIUGHE E BURRO

Il pane che meglio si presta per questi crostini è quello bianco fine, in forma, all'uso inglese. Non avendone, prendete pane di un giorno, con molta midolla, e riducetelo a fette quadre, grosse un centimetro.

Ingredienti:
  • 60 gr. di burro
  • 40 gr. di caviale
  • 20 gr. di acciughe
  • pane
Preparazione:
Fate un miscuglio di tutto e lavoratelo per ridurlo fine e liscio. Spalmate il composto ridotto come ad unguento sul pane.

Il tocco di Aiuolik:
Come ha fatto notare Uncle, il tocco di Aiuolik in questo caso è stato solo quello dei denti che masticavano il crostino :-)

Mossi da sani principi

9 commenti:

  1. Buongiorno!
    Sarà così potente l'arnusi ed il vostro Project, da far rientrare in casa mia anche il baccalà (non pervenuto sul blog, perchè forse l'ultima volta che l'ho fatto non avevo il blog!!!!!!!!!!!!)?? Già quello mantecato è in coda, e questo ci sta proproo vicinovicino :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. sono neanche le nove del mattino, ma mi sento già un languorino....
    braviiii!

    RispondiElimina
  3. adoro il baccalà e con questi crostini deve essere super....un bacione:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  4. Il baccalà è l'unico pesce che a casa ci mette tutti d'accordo! Buoni anche i crostini!

    RispondiElimina
  5. Ha ha...l'ho appena fatto anch'io il baccalà!!! Buonerrimo!

    RispondiElimina
  6. è una vita che non lo faccio...mi avete ispirata!baci
    Laura

    RispondiElimina
  7. Bhè io la manina attraverso il monitor l'allungherei volentieri!!! Baci Laura

    RispondiElimina
  8. Ho mangiato due volte il baccalà.. la prima non mi è piaciuto,la seconda l'ho adorato.. che sia questa la prova del nove per capire se mi aggrada o no?!?!?

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!