giovedì 13 dicembre 2007

Soufflè all'arancia


C'era una volta un brutto anatroccolo che aveva una piccola trattoria in periferia dove si preparavano pietanze calde e gustose per tutte le occasioni e per tutte le tasche.
Un giorno il brutto anatroccolo decise di uscire dal proprio recinto e si recò in città dove vide l'insegna di un famoso ristorante di lusso e ci entrò...

No, non siamo impazziti (non completamente, se non altro!) è solo che preparare il soufflè in trattoria ci ha fatto un po' sorridere. Il soufflè è un piatto da ristorante serio, mica da trattoria a conduzione familiare!!!
Però, per dirla tutta, in questa impresa ci siamo fatti guidare dalle sapienti parole di uno vero chef, il nostro chef di fiducia, ChefBlog!

Il risultato ci ha soddisfatto molto, sia nell'aspetto che nel sapore, anche se in realtà noi avremo preferito una maggiore dose di arancia, ma si sa la dose dipende da quanto è grande e sugosa l'arancia, per cui...
La cosa che fa molto ridere, sempre in tema di brutti anatroccoli, è che noi (trattoria!) non abbiamo mica le cocotte per soufflè e così abbiamo usato una ciotola in arcopal...si sa, chi si ferma è perduto!

La ricetta è proprio quella di Christian, ma noi, nel nostro stile, la riportiamo comunque per completezza e per potervi deliziare con le nostre foto.

Ingredienti (per due persone):
  • 1 uovo,
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero,
  • succo e polpa di 1 arancia,
  • 1/3 di cucchiaio di zucchero a velo,
  • un goccio di liquore all’arancia, facoltativo (noi non lo avevamo)
Preparazione:
Pelate a vivo l'arancia, mettetela nel frullatore e passatela al setaccio (passaggio critico!).

Separate il tuorlo dell'uovo dal bianco, sbattete il tuorlo con lo zucchero fino a diventare quasi bianco, unite metà del succo d’arancia passato (noi diremmo tutta!) e unite un goccio di liquore all’arancia.

Montate il bianco a neve con un pizzico di sale.

Nota: il bianco deve essere montato ma non al limite, deve restare morbido e cremoso.

Appena montato unite lo zucchero a velo che lo renderà ancora più cremoso, montato ma cremoso.
Unite il bianco al composto poco alla volta e mescolando delicatamente dal basso verso l’alto (passaggio critico!).
Imburrate gli stampini e spolverate di zucchero, versate il composto fin quasi a riempire.

Nota: non abbiate paura di riempire, tanto non esce fuori ma sale in alto.

Infornate a 190 ° per 10/13 minuti, servite immediatamente.

Il piccolo anatroccolo... ...diventò cigno!

11 commenti:

  1. Raffinatissimo! Troppo bravi!

    RispondiElimina
  2. A poterlo fare ne mangerei a quintali. Ma a casa mia lo sdegnano e ame non piace mangiare da sola ... quasi quasi faccio un salto da voi ... e sgraffigno anche un pezzo di pane va!
    Marika

    RispondiElimina
  3. Sorprendente e raffinatissimo: la foto ravvicinata induce in tentazione.
    bravi

    RispondiElimina
  4. Bravii!!!Il soufflè è difficilissimo da fare..come avete fatto a farlo venire così bene al primo tentativo?O non era il primo??

    RispondiElimina
  5. Oh mamma mia che meraviglia!!!

    RispondiElimina
  6. Siete fantastici ;)
    ottimo risultato davvero, complimenti !

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti!!!

    Cookie, in effetti è troppo raffinato per una trattoria :-))

    Marika, dai preparatene solo uno per te e fai un altro dolcetto per gli altri, vedrai che merita!!!

    Lenny, la foto mi fa molto ridere perchè è superciccio :-)

    Elisa...e se ti dicessi che è il primo?

    Lory, grazie!

    Christian, quando il maestro è bravo, gli alunni si applicano volentieri e ottengono dei buoni risultati.

    Ciao a tutte/i,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  8. Mmmh, fantastico...
    Da tanto non passavo, mi hai fatto trovare tanto "arretrato" goloso!!
    Baci :)

    RispondiElimina
  9. Questo lo voglio fare anche io! Anche perchè non ho mai fatto e neanche mai mangiato un sofflè e mi sembra il caso di iniziare. E poi, voi che vi preoccupavate delle cocottine ... guardate cosa ho visto qui


    Ciao, Alex

    RispondiElimina
  10. E che cigno! i dolci con gli agrumi sono troppo buoni, io non resisto proprio...!

    ciao,
    Grazia

    RispondiElimina
  11. Anna qui non ci si ferma mai, pensa che ho già ricette per l'anno prossimo :-)

    Alex il nostro era il primo soufflè sia nel senso di preparazione che di degustazione...c'è sempre una prima volta :-) Bellissime le cocotte alternative!!!

    Grazia, il cigno ringrazia per i complimenti :-)

    Ciao a tutte/i,
    Aiuolik

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!