lunedì 12 aprile 2010

Taralli al Cannonau e rosmarino

Da quando Aiuolik ha provato i suoi primi tarallini con il lievito madre, in Trattoria sono diventati un classico. Un po' perché di lievito madre da rinfrescare qui ce n'è tanto (vabbé sorvoliamo, qualche amico del circondario ne vuole un po'?), un po' perché Sign.ra Doriana ha apprezzato molto, un po' perché Uncle un giorno ha deciso di portarli in ufficio... Siccome però Aiuolik si annoia a ripetere sempre la stessa ricetta, ogni tanto prova qualche variazione sul tema. Così un giorno ha deciso di sostituire il vino bianco con del Cannonau (che di bianco non ha niente, neanche l'etichetta!) e ha provato ad aggiungere nell'impasto un po' di rosmarino. Il risultato è gradevole e tutti coloro che li hanno assaggiati li hanno divorati, perché, si sa, un tarallo tira l'altro!

Prima della ricetta, permettetevi di ricordarvi e di invitarvi ancora a partecipare al nostro meme del terzo anno di attività della Trattoria. Tutte le info qui: http://muvara.blogspot.com/2010/03/tre-anni-dentro-la-trattoria.html

Ingredienti:
  • 300 g di farina
  • 95 g di olio
  • 90 g di Cannonau
  • rosmarino ad libitum
  • 80 g di lievito madre
  • 15 g di sale
Preparazione:
Impastate tutti gli ingredienti, formate una palla e mettetela a riposare in luogo caldo per circa 2 ore. Trascorso quel tempo, dividete la palla in due, allungate la pasta e lasciate riposare per almeno 1 ora in luogo caldo. Successivamente, preparate i taralli come segue: staccate un pezzettino di pasta, allungatelo e unite gli estremi in modo da formare una ciambellina. Tuffateli quindi nell'acqua bollente (non salata) e scolateli appena affiorano. Lasciate asciugare sopra un panno e quindi infornate in forno già caldo a circa 200° per 40-50 minuti (il tempo dipende dalle dimensioni dei taralli).

Come le ciliegie...

4 commenti:

  1. Aiuolik, io ho un esuberante pasta madre che pero' quando viene utilizzata ci impiega dalle 24 alle 36 ore per lievitare, come devo fare?
    E soprattutto, visto che so che i tarallini li mangerei uno dopo l'altro e pure in parallelo, come li metto d'accordo con la dieta???

    Ho letto ora dei tre nni...cavoli, come passa il tempo! Certo che il festeggiamento e' impegnativo..per noi! :)) Ci penzo su'!
    BAci, Elvira

    RispondiElimina
  2. mi piace la variazione-campanilistica d questi taralli ;)
    auguri per la ricorrenza!

    RispondiElimina
  3. @Ciboulette, 24-36 ore mi sembrano un po' tantine...La mia per il pane o la pizza richiede dalle 8 alle 12 ore...Per i taralli, grissini, etc. non necessitando di grande lievitazione, bastano 2-3 ore... Ma lo tieni al calduccio mentre lievita? Se vuoi ne parliamo via FB la cosa si fa complicata avrei altre domande da porti :-)

    @Luxus, un po' di campanilismo ogni tanto ci vuole!

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!