giovedì 11 febbraio 2010

Ricetta in maschera

Sarà anche vero che il lavoro nobilita l'uomo (e la donna?) ma è anche vero che gli lascia poco tempo libero per dedicarsi ai propri hobby, tipo (uno a caso!) la cucina. Così giovedì grasso senza fritti in Trattoria, però un bel post fuori di testa non ve lo scampate comunque. E da fuori di testa quali siamo, abbiamo tirato fuori una ricetta in maschera. Non possiamo dire "abbiamo inventato" perché in realtà ci è nata tra le mani. Il fatto è che quel giorno dispensa e frigo avevano poco da offrire e di correre al market alle 20.40 proprio non ne avevamo voglia e così, da veri italiani, ci siamo lanciati nell'arte di arrangiarsi.

Giaceva in dispensa una confezione di tortelloni al prosciutto di una nota casa produttrice italiana (quella che fa tanto famiglia, per intenderci) e dietro era riportata una ricetta...peccato però che degli ingredienti richiesti ne avessimo solo una piccola parte e così i nostri ingredienti si sono vestiti a maschera per l'occasione (ve l'avevamo detto che sarebbe stato un post fuori di testa!).
Ecco allora che il carciofo, spinoso come sempre, ha deciso di non mascherarsi, la panna è impazzita e ha preferito non partecipare alla ricetta, l'uvetta si è travestita da fico secco e i pinoli da pistacchi, in più la verza si è aggiunta pur senza invito (e nel suo bicchiere non c'era il nome). Insomma, tutta un'altra ricetta, ma non per questo da buttar via, anzi!

Ingredienti (per 3 persone):
  • 250 gr. di tortelloni prosciutto crudo e parmigiano
  • 700 ml. di acqua
  • 150 gr. di cuore di carciofo
  • 30 gr. di fichi secchi
  • 20 gr. di pistacchi
  • olio extra-vergine d'oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • pecorino sardo
Preparazione:
Mettete l'acqua in una pentola assieme ai carciofi tagliati sottili e un po' di sale e portate a ebollizione, quindi versate i tortelloni. A parte, fate soffriggere l'aglio con la verza tagliata a listelline sottili, aggiungete due bicchieri di acqua e fate cuocere. A metà cottura della verza, aggiungete i fichi secchi tagliati anch'essi a listelline e continuate a far cuore. A coltura quasi ultimata aggiungete la metà dei pistacchi tritati grossolanamente. Scolate i tortelloni e i carciofi e uniteli alla verza. Aggiungete il resto dei pistacchi tristati, dare una spolverata di pecorino grattugiato e servite.

Il costume calza a pennello

8 commenti:

  1. la verza non solo s'è imbucata ma non ha nemmeno fatto a pugni con il carciofo,a quanto pare.
    sta cosa è geniale e non è arte di arrangiarsi.
    che poi a dirla tutta se nel panorama scientifico noi italiani brilliamo è proprio perchè possessori della magica arte, siamo talmente fantasiosi che a certe ricerche da mission impossible possiamo arrivarci solo noi e gli altri stanno a guardare. :)

    RispondiElimina
  2. Ma cosa sarebbe la cucina senza inventiva? Il carnevale in fondo è anche questo, divertirsi giocando un pò! Se poi i risultati sono questi ben venga!

    P.S. Io A D O R O i fichi secchi!
    Marika

    RispondiElimina
  3. Ah Ah Ah.. allora stasera io Uva mi metterò i panni del Fico secco e festeggeremo giovedì grasso!!!! ;-D

    RispondiElimina
  4. uhh ma che bella mascherata...dai dai vieni da me qui il carnevale si festeggia settimana prossima abbiamo un sacco di tempo :)

    RispondiElimina
  5. mmm una ricettina molto particolare, mi ispira ;-) ciao !

    RispondiElimina
  6. eh, che invidia! avrei voluto essermela inventata io!
    sfiziosissima!

    RispondiElimina
  7. troppo poco tempo per gli hobbies, decisamente!

    Buon giovedi grasso, anche se in corner!

    RispondiElimina
  8. Ecco, meno male, niente fritti anche in Trattoria (anche se negli anni passati ne avete fatti di spettacolari). Puoi immaginare che mi stuzzica da morire quell'aggiunta di fichi secchi.
    Baci
    Alex

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!