venerdì 26 ottobre 2007

Flan di latte

Non ce l'abbiamo fatta a sfornare il terzo tentativo bretzel ma abbiamo un fine settimana tutto per noi davanti, non temete!

Oggi, dunque, dopo aver dedicato quasi tutta la settimana passata alla Germania, torniamo a ricette nostrane...

Uncle Pigor quando ha visto Aiuolik immortalare la preparazione di questo dolce è rimasto un po' stupito. Non perché non volesse che il suo flan di latte fosse rivelato al mondo, ma proprio per il contrario, perché pensa che tutti sappiano fare il flan di latte...

Poi ci hanno riflettuto e hanno deciso di pubblicare la ricetta del flan di latte perché guardando le statistiche degli accessi al blog dai motori di ricerca salta fuori che in questi ultimi due mesi più del 45% delle visite provengono in seguito alla ricerca della parola chiave "omelette".
Se infatti scrivete la parola omelette su Google ecco il risultato:


Razionalmente non siamo in grado di capire perché i signori Google propongano noi al secondo posto però questo ci permette di avere tante visite così...e dire che l'omelette non volevamo neanche pubblicarla! Proprio da quest'ultima osservazione nasce quindi la pubblicazione odierna...e chissà Google in che posizione metterà il nostro flan!

Ingredienti:
  • 1 l di latte
  • 10 uova
  • 10 cucchiai di zucchero
  • 3-4 biscotti frollini (noi siamo fedeli ai tarallucci!)
  • 1 tappo di rhum
  • la scorza di mezzo limone
  • caramello
Preparazione:
Versate il caramello nello stampo. A parte mischiate nel latte, le uova, lo zucchero e sbriciolatevi i biscotti. Mischiate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete dunque il rhum e la scorza di limone a pezzettini. Versate il composto nell'apposito stampo e fate cuocere a bagnomaria per circa un'ora da quando l'acqua inizerà a bollire, ovvero sino a quando la crema non si sarà completamente rassodata.

Consiglio: i primi 20 minuti di cottura tenete coperto lo stampo. Inoltre, non esagerate per evitare che durante il bollore l'acqua si mischi alla crema.

Terminata la cottura togliere lo stampo dall'acqua e lasciatelo raffreddare completamente. A quel punto rovesciatelo in un recipiente dalla parete alte. Riponete in frigo e servite freddo.

W le nonne!!!

15 commenti:

  1. Avete fatto proprio bene a postarlo, perchè io non sapevo neanche dell'esistenza di un "flan di latte"!! È una di quelle ricette "per farsi del bene"! Sono curiose le ricerche google che portano ai blog. Noi andiamo alla grande con le "marmellate" :-))
    Buon WE. Vorrei mettermi a fare un po' di esperimenti in cucina anch'io. Spero di trovare il tempo. Ciao, Alex

    RispondiElimina
  2. W il flan!! Fa sempre venire l'acquolina in bocca.

    RispondiElimina
  3. Alex sono contenta che la ricetta ti mancasse almeno potrò dire ad Uncle Pigor "hai visto che abbiamo fatto bene?" :-)
    Guardare le statistiche del blog è divertente, a volte si trovano delle chiavi di ricerca impressionanti!

    Cookie per la colazione un po' di flan è proprio l'ideale!

    Ciao a tutti,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  4. Mi aggiungo anch'io al coro di quelle che non conoscevano questa ricetta.
    Complimenti

    RispondiElimina
  5. Che bella ricetta! E' una di quelle cose che mi fa tornare bambina!
    Grazie di averla pubblicata!
    La proverò senz'altro!
    Ciao, Silvia

    RispondiElimina
  6. a dispetto di ciò che credeva Uncle Pigor io non lo conoscevo il flan di latte..ma è tipo un budino?

    RispondiElimina
  7. Sono senza parole e noi che stavamo per mangiare il flan senza pubblicarne la ricetta!
    Meno male che Silvia (almeno lei!) la conosceva :)
    Comunque sì, Elisa, il flan è come un budino.

    Ciao ciao
    Aiuolik

    RispondiElimina
  8. Grazie per questa ricetta...io non avevo mai sentito di questa bontà!!!

    ...NB - Leggete la risposta al vostro commento sul mio blog!!! baci

    Grazia

    RispondiElimina
  9. Se cliccate su Goooooooogle "ostriche virtuali" (così, tra virgolette), vedete che al primo posto c'è MuVara, anzi, il commento della Siora Doriana. Mica Scabin!!
    Saluti dalle quattro mura

    RispondiElimina
  10. Ciao Aiuolik, ho tradotto la ricetta dei Brezel, ma siccome è molto lunga ve la volevo mandare per mail. Avete un indirizzo? Qui non lo trovo. Puoi scrivere una mail a noi (cuochedellaltromondo@yahoo.it) e poi te la mando.
    Buona serata, Alex

    RispondiElimina
  11. Abate Faria grazie della segnalazione sulle ostriche, dato che nessuno le cerca non avevo mai provato :-)

    Alex ti ho mandato un'email!
    Grazie ancora!

    Ciao e buon fine settimana a tutti,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  12. Prego! E' che le ostriche mi ricordano i miei peccati di gola di gioventù, prima di diventare abate...
    Ora in carcere mangiamo solo gusci!

    RispondiElimina
  13. ciao, come al solito le tue ricette mi colpiscono come un dardo scagliato da una balestra dritto alla gola.
    Dieci uova? avrei il veto tassativo della mia,salutista, consorte. Però se nascondo accuratamente i gusci, magari posso dire che di uova ne ho messe solo due. Dici che ci casca?

    buona domenica.

    RispondiElimina
  14. Abate Faria anche qui le ostriche le vediamo solo virtualmente...

    Sergiott secondo me se glielo fai assaggiare PRIMA di farle vedere i gusci andrà tutto bene!

    Saluti dalla non-salutista ;-)
    Aiuolik

    RispondiElimina
  15. Mi ispira proprio questo flan :)

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!