lunedì 3 maggio 2010

La pizza delle sorelle Simili

"Aprile dolce dormire" e la Trattoria questo proverbio l'ha fatto suo visto lo scarseggiare di post nel mese di Aprile. Indovinate un po' perché? Semplice! La vostra eroina preferita si è addormentata sul divano praticamente tutte le sere alle 22.30 circa. A quel punto risvegliandosi verso mezzanotte completamente rimbambita (giusto per essere educati) secondo voi aveva le forze di aggiornare il blog? Ehm, anche le eroine hanno un letto su cui dormire, non è che tutti i supereroi vivono necessariamente la notte, per cui la risposta è "no" :-) Ora che il calendario si è spostato di un foglio vedremo se le abitudini della nostra eroina torneranno alla normalità (e magari troverà anche il tempo di passare a trovare i suoi amici blogger, al momento un po' trascurati).

Basta chiacchiere, non è che dobbiamo recuperare in un post tutto quello che non abbiamo scritto i giorni scorsi :-)

Oggi è lunedì e quindi? Quindi ecco il momento dedicato al nostro lievito madre che questa volta, grazie alla ricetta trovata sul blog di Jajo, è stato usato per produrre la pizza in teglia delle sorelle Simili.

Ingredienti:

  • 400 gr. di lievito madre appena rinfrescato
  • 200 gr. di farina 00
  • 70 gr. di acqua tiepida
  • 8 gr. di sale fino
  • olio 
  • 250 gr. circa di passata di pomodoro
  • origano
  • 1 mozzarella di bufala
  • condimento a piacere (noi abbiamo condito mezza pizza con capperi e acciughe e metà con salame)
Preparazione:
Dopo aver effettuato un normale rinfresco del lievito madre, toglietene 400 grammi e lasciatelo lievitare per circa 3 ore. Unite quindi la farina, il sale e l'acqua tiepida. Impastate bene e sbattete più volte l'impasto sul tavolo da lavoro per far sviluppare il glutine. Stendete quindi sulla teglia spennellata d'olio, premendo delicatamente con i polpastrelli e creando con gli stessi delle fossette nella pizza. Mettete a lievitare nel forno spento per almeno un'ora e mezza. Trascorso tale periodo spennellate la pizza con passata di pomodoro che avrete condito con olio, sale e origano. Lasciate ancora in forno spento per altri 30. Accendete quindi il forno a 230° e infornate la pizza a 200° per i primi 10 minuti. A questo punto aggiungente altra passata di pomodoro, la mozzarella a dadini e ben scolata e gli altri ingredienti del condimento. Fate cuocere a 180° per altri 20/25 minuti fino a raggiungere il grado di cottura desiderata. Aggiungete eventualmente altri condimenti a crudo (per esempio i salumi) e servite.

Pizza pizza marescia'

6 commenti:

  1. certo che se l'eroina si pappa queste pizze .....ci credo che vola beata nel mondo dei sogni.....il relax viene naturale dopo tanta beatitudine ;-))

    RispondiElimina
  2. ma che meraviglia di pizza...un baciotto
    Annamaria

    RispondiElimina
  3. ma allora e' proprio il mio LM che e' un bradipo??? I tempi di lievitazione sono dilatatissimi (diciamo che un'ora delle tue equivale almeno a 6 delle mie....)

    E la pizza non mi riesce, sabato sera sono tornata al cubetto, che fa sempre la sua sporca figura. Ma devo riprovare tu sei la mia eroina, ed io prendero' esempio! (magari anche sull'addormentarmi sul divano alle 10 e mezza di sera, che tante volte serve ed e' cosa buona e giusta :)

    RispondiElimina
  4. Una pizza davvero invitante! Baci

    RispondiElimina
  5. maròòòòòòòòòòòòòò che spettacolo!!!!! una fetta prego :-)))

    RispondiElimina
  6. Beh, mi pare che abbiate superato voi stessi !! Complimenti !!!
    Vi faccio di nuovo gli auguri per i vostri primi 3 anni (e se faccio in tempo posto qualcosa di "degno": il fatto è che da un paio di settimane non tocco fornelli :-( ).
    Ciaoooo

    RispondiElimina

Non essere timido, lasciaci un commento!