martedì 11 maggio 2021

Fattoria consapevole e solidale - I semi oleosi: Noci

 

Ridendo e mangiando siamo già arrivati al quinto appuntamento della nostra fattoria consapevole e soldale. Questa volta il nostro gruppo alimentare porta nelle nostre cucine i semi oleosi... In Trattoria come (quasi) sempre iniziamo dalla fine (anche perché nella nostra testa è l'inizio) e vi proponiamo un pane. Come già successo su questi schermi, la ricetta ce l'ha data il libro di Daniel Jordà (dato che tra le varie sfide della nostra eroina c'è pure quella di provare tutti i pani del libro). Un pane che sa di noci e carote. Se ne volete sapere di più, ecco per la gioia di grandi e piccini la ricetta!

Pane alle carote noci e timo
Ingredienti:
  • 175 g di farina di farro
  • 100 g di carote
  • 125 g di latticello
  • 75 g di noci
  • 50 g di farina 0
  • 50 g di acqua
  • 25 g di farina integrale
  • 5 g di sale
  • 5 g di lievito di birra
  • 5 g di miele
  • 2,5 g di timo
Preparazione:
  1. Nella planetaria mischiamo le farine e il sale, quindi aggiungiamo l'acqua, il latticello, il miele e il lievito sminuzzato. Lavoriamo sino a ottenere un impasto omogeneo che si stacca dalle pareti. Lasciamo riposare 10 minuti.
  2. Riprendiamo a lavorare per 2-3 minuti nella planetaria, quindi nel piano di lavoro leggermente infarinato facciamo le pieghe semplici e lasciamo riposare altri 10 minuti.
  3. Nel mentre trituriamo le noci e le carote e mischiamo il tutto con il timo.
  4. Trascorso il tempo di riposo dell'impasto, stenderlo con l'aiuto di un matterello e rivestire la superficie con il mix di noci, carota e timo. Fare delle pieghe, stendere nuovamente e coprire con un altro strato del mix. Ripetere con tanta pazienza sino a esaurimento del mix. Terminare con le pieghe e lasciar riposare coperto con un panno a temperatura costante sino al raddoppio.
  5. Dividere in due pezzi da circa 300 g e fare le palline. Lasciar riposare 10 minuti e fare un buco al centro di ciascun pezzo per darle forma di ciambella.
  6. Mettere le ciambelle sopra la leccarda. Fare delle piccole incisioni sulla superficie con un taglierino e lasciar riposare sino al raddoppio.
  7. Cuocere in forno già caldo a 200º C per circa 30-35 minuti.

All you need is bread :-)

domenica 9 maggio 2021

Fattoria consapevole e solidale - Caffè e cacao: Caffè



Se ad Aiu' dovessero chiedere se ricorda il suo primo caffè, non saprebbe che dirvi. Non ha nessuna idea se lo provò a casa coi suoi o forse a un pranzo di Natale dai nonni. Niente, vuoto totale. E la prima cioccolata in tazza? Difficile a dirsi, probabilmente preparò con Una Mela o con Sign.ra Doriana uno di quei preparati per cioccolate, ma chissà che anno era... e chissà quando fu che in un bar ordinò la sua prima cioccolata in tazza. A volte con Uncle capitava che nelle sere d'inverno entrassero in un bar a riscaldarsi così, ma non chiedetele quale fu la prima volta... E il primo Irish Coffee? Qui nessun dubbio! Dublino, anno 2010, in compagnia di Un Uomo in Bagno (prima che lui stesso sapesse che sarebbe andato al bagno e avrebbe aperto un blog), viaggio di lavoro (bei tempi quando si viaggiava per lavoro...torneranno?). Prima volta in terra irlandese per la nostra eroina e quindi non poteva non andar via senza aver provato il famoso caffè. e UB a farle compagnia, ovviamente Non si fermarono né per il prezzo (qualcosa tipo 7,5€), né per l'ora (lo presero in un dopocena dopo una Guinness), quando gli eroi devono sperimentare, niente li può fermare!

Così la nostra bevanda per questa tappa della Fattoria è l'Irish Coffee che altro non è che un caffè con whisky, addolcito con sciroppo d'acero e un po' di panna montata sopra. Aiu' non sa che whisky misero in quel caffè di 11 anni fa, ma probabilmente doveva essere molto buono visto il prezzo! La ricetta l'abbiamo presa qui.

Irish Coffee
Ingredienti:
  • 3 cucchiai di whisky irlandese
  • 2 cucchiaini di sciroppo d'acero
  • 180 ml di caffè caldo appena preparato 
  • panna montata
Preparazione:
  1. Versate il whisky e lo sciroppo d'acero in una tazza resistente al calore. 
  2. Versate una spruzzata di caffè e mescolate con un cucchiaio fino a quando lo sciroppo d'acero si scioglie nel caffè.
  3. Versate il resto del caffè.
  4. Completate con panna montata. 
  5. Servite finché la bevanda è ancora calda!
Caife na hÉireann

domenica 2 maggio 2021

Fattoria consapevole e solidale - Caffè e cacao: Cioccolato fondente, cioccolato al latte, cioccolato bianco

 

Chi ci segue da sempre (4 persone), ha il coraggio di leggersi le stupidate che scrive Aiu' (2 superstiti dei 4 iniziali) e ha buona memoria (nessuno dei 2 superstiti) potrebbe qui ricordare alla nostra Trattora che a lei l'idea di fare i cioccolatini non è mai piaciuta. La ricetta "prendi un ingrediente, cambialo di stato, dagli una forma diversa e rimettilo nello stato di partenza", non l'ha mai convinta... Il Fato però volle che la nostra eroina dovesse ripetere l'esperimento cioccolatini.

La storia è questa. Un sabato sera, quasi notte, dopo una mattina passata a cucinare a distanza con gli instancabili TeleCookers, Aiu' decide di preparare un dolce per la Hija che l'indomani avrebbe compiuto gli anni. Si era già messa d'accordo con El Yerno per far arrivare un rider proprio mentre le avremmo cantato "Cumpleaños feliz" tutti assieme. Tra il dire e il fare...ci sono gli ingredienti.
Aiu' aveva infatti deciso di preparare una torta vista nella Escuela MasterChef (che, se tutto va bene, vedrete su questi monitor e in questa Fattoria al prossimo giro). Inizia a preparare la ricetta, non c'è abbastanza burro ma compensiamo con un po' d'olio di girasole...andiamo a prendere le nocciole ma...oooops! Le nocciole che Aiu' era convinta di aver comprato erano in realtà nel carrello della spesa del supermercato virtuale e sarebbero giunte in Trattoria il lunedì. Vabbe', chi si ferma è perduto, mettiamo in atto un piano B: continuiamo e cambiamo un po' la ricetta. Per essere sicura di non intossicare sua Hija, Aiu' prepara il dolce "ufficiale" nello stampo da plumcake e una mini-porzione d'assaggio in uno stampo da muffin. L'aspetto del dolce mentre cuoce non è dei migliori. Ma Aiu' è arcinota per il suo ottimismo, quindi aspetta il risultato. Il dolce "ufficiale" ha un aspetto da brownie sfigato, non esattamente ciò che ci aspettavamo di vedere... Prima di ritoccarlo con fondotinta di cioccolato bianco, ombretto di cioccolato nero e fard di cioccolato al latte, Aiu' assaggia la porzione-assaggio. Il dolce non è da buttare ma tanto meno da regalare... Ci vuole un piano C! Mumble mumble... Il burro è finito, l'ultimo uovo è finito nel brownie sfigato, non abbiamo latte in casa... E fu così che la Hija de Aiu' per il suo compleanno ricevette una scatola di cioccolatini assortiti made in MuVara!

Cioccolatini assortiti
Ingredienti:
  • cioccolato fondente
  • cioccolato al latte
  • cioccolato bianco
  • noci
  • canditi
  • gocce di cioccolato
  • stampo per cioccolatini
Preparazione:
  1. Fondete i cioccolati, un tipo alla volta (l'ordine dipenderà dalle decorazioni e dagli accostamenti), a bagnomaria.
  2. Cioccolato di uno solo tipo senza ripieno: con l'aiuto di un cucchiaino riempite di cioccolato fuso le cavità degli stampi fino al bordo facendo attenzione a non far fuoriuscire il cioccolato. Sbattete dolcemente lo stampo sul tavolo di lavoro per eliminare eventuali bolle d'aria. Se il cioccolato fuoriesce dallo stampo, attendete qualche minuto per permettere allo strato superiore del cioccolato di solidificarsi. Con una paletta raschiate il cioccolato in eccesso. Posizionate quindi lo stampo dentro il freezer per circa 20 minuti. 
  3. Cioccolato di 3 colori: con l'aiuto di un cucchiaino riempite 1/3 dello stampo con il cioccolato fuso. Sbattete dolcemente lo stampo sul tavolo di lavoro per eliminare eventuali bolle d'aria. Mettete in freezer per 20 minuti, quindi ripetete l'operazione con il secondo tipo di cioccolato, mettete in freezer e terminate con il terzo tipo. Se il cioccolato fuoriesce dallo stampo, attendete qualche minuto per permettere allo strato superiore del cioccolato di solidificarsi. Con una paletta raschiate il cioccolato in eccesso. Posizionate quindi lo stampo dentro il freezer per circa 20 minuti. 
  4. Cioccolato ripieno: mettete mezzo gheriglio di noce oppure un pizzico di frutta candita, oppure qualche goccia di cioccolato (ideale nel caso di cioccolatino al cioccolato bianco) sul fondo dello stampo. Coprite lo stampo con il cioccolato fuso. Sbattete dolcemente lo stampo sul tavolo di lavoro per eliminare eventuali bolle d'aria. Se il cioccolato fuoriesce dallo stampo, attendete qualche minuto per permettere allo strato superiore del cioccolato di solidificarsi. Con una paletta raschiate il cioccolato in eccesso. Posizionate quindi lo stampo dentro il freezer per circa 20 minuti. 
  5. Per sformare i cioccolatini, effettuate una leggera pressione su ogni singolo stampo. Conservate i cioccolatini dentro un contenitore ermetico, in un luogo fresco e asciutto.
Anche i piani C hanno un loro perché!

domenica 25 aprile 2021

Fattoria consapevole e solidale - Caffè e cacao: Grue di cacao

 

Di quanto fosse scettica Aiu' prima di provare le tagliatelle al caffè abbiamo già parlato. Nonostante l'esito positivo di tale esperimento, il suo scetticismo era alquanto più elevato quando trovò questa ricetta. Ma siamo in ballo e balliamo, a far le ricette "normali" son bravi tutti! Beh, Sign.ra Doriana non sarebbe d'accordissimo su quest'ultimo punto, diciamo che ce la immaginiamo lì che vede uscire questo rombo dal forno tutto coperto di cacao e sale e domanda "in che ristorante prenoto?". Ma Aiu' da lei ha ereditato lo scetticismo ma non il rifiuto verso lo sconosciuto... Ok, a volte però qualche rifiuto ci starebbe bene. Diciamo che lo sfizio di provare la ricetta Aiu' se l'è tolto, la nostra Fattoria si arricchisce di un secondo piatto a base di cacao, ma questo piatto non verrà più realizzato dalla  nostra eroina. Carlo Cracco non ce ne voglia (pare che la ricetta sia una sua idea), ma dalle nostre parti si dice "il sardo lo freghi una volta sola". 

Rombo in crosta di cacao e sale

Ingredienti:

  • 700 g di rombo
  • 400 g di grue di cacao
  • 125 g farina
  • 100 g di sale grosso
  • 5 albumi
  • 45 g cacao in polvere
  • olio extravergine d'oliva
  • cannella in polvere
Preparazione:
  1. Pulite il rombo togliendo la testa (o fatelo pulire dal pescivendolo come fa Aiu'). 
  2. Mescolate il gruè, il sale, la farina, il cacao, gli albumi e la cannella. 
  3. Adagiate il rombo in una teglia coperta da carta da forno. Cospargetelo con l’olio e ricoprite con la pasta di cacao e sale da ambo i lati. 
  4. Cuocete in forno caldo a 250°C per 35 minuti circa. 
  5. Servite caldo.
Not for me!

domenica 18 aprile 2021

Fattoria consapevole e solidale - Caffè e cacao: Cacao amaro

 

Per presentarvi la ricetta di oggi, vi presenteremo per prima cosa i TeleCookers di cui Aiu' è (guarda caso) "La Jefa" (ovvero "La capa", non so se vi ricorda qualcosa :-)). 

Correva il mese di Marzo del 2020 e la Generalitat di Catalogna e il governo spagnolo dichiararono il "confinamento" (in italiano conosciuto col termine inglese di lockdown). Il primissimo sabato di questo cambio importante nella vita di tutti, Jefe Sebas chiamo Aiu' chiedendole se le andava di preparare con lui la pizza...a distanza! La settimana dopo, un esperimento simile venne realizzato con il Team Rocket Escapers (di cui Aiu' è La Jefa eh eh) che, non avendo escape room da cui uscire, rimase in casa a preparare biscotti. Da allora non si sono mai fermati e, come i musicanti di Brema, si sono aggiunti nuovi amici durante il cammino. Ogni sabato hanno cucinato insieme provando una ricetta dietro l'altra. La ricetta la scelgono "gli altri", ad Aiu' è dato solo il diritto di rifiuto nel caso la ricetta sia estremamente facile e, ovviamente, Paganini non ripete: una ricetta già fatta insieme non si può ripetere (chi c'è, c'è)!

Ieri, sabato, Aiu' è riuscita a conciliare la richiesta dei TeleCookers con la tappa attuale della Fattoria e allora ecco qui il babka, pane dolce di origine polacca che la comunità ebrea ha esportato specialmente in Israele e US.

La ricetta è presa dal libro "Love is in the bread" di Daniel Jordà, un panettiere di Barcellona famoso in IG.

Se non volete perdervi le ricette dei TeleCookers, seguiteli su IG: @telecookers ;-)

Babka
Ingredienti:
  • pane
    • 250 g di farina
    • 80 g di latte
    • 60 ml di acqua
    • 50 g di burro a temperatura ambiente
    • 15 g di lievito fresco
    • 15 g di zucchero
    • 5 g di sale

  • ripieno
    • 100 g di burro a temperatura ambiente
    • 75 g di zucchero
    • 15 g di cacao puro in polvere
    • cannella e/o vaniglia a gusto

Preparazione:
  1. Mischiate la farina, il lievito sbriciolato e lo zucchero e aggiungete quindi il latte e l'acqua. Lavorate velocemente e fate riposare per 5-10 minuti.
  2. Aggiungete quindi il sale e il burro a pezzettini e mischiate bene sino a ottenere un composto omogeneo. Lasciate riposare 10 minuti.
  3. Fate delle pieghe semplici, mettete la palla così ottenuta nella teglia del forno, sopra di un foglio di carta forno e fate fermentare dentro il forno a temperatura costante di 30º C.
  4. Quando l'impasto ha raddoppiato il suo volume (circa 1 ora), preparate il ripieno mischiando tra loro tutti gli ingredienti.
  5. Stendete l'impasto sul piano di lavoro con un matterello e cospargetelo uniformemente con il ripieno. Realizzate un cilindro e fate riposare 5-10 minuti.
  6. Dividete longitudinalmente il cilindro (senza però dividerlo in due parti, ossia lasciandolo come unico pezzo) e realizzate una treccia a due fili. 
  7. Mettete la treccia in uno stampo da plumcae e cuocete in forno già caldo a 200º C per 20-25 minuti.
  8. Aspettate che si intiepidisca prima di toglierlo dallo stampo e quindi lasciatelo raffreddare completamente sopra una gratella. 
Provatelo, è buonissimo!