domenica 11 aprile 2021

Fattoria consapevole e solidale - Caffè e cacao: Caffè


Aiu' deve ammettere qui davanti a tutti voi che quando ha letto la ricetta che vi presentiamo tra poco, ha pensato "vabbe', male che vada ci ho perso un po' di farina e un uovo". Il fatto che la ricetta venisse da questo sito, faceva ben pensare ma allo stesso tempo rimanevano un bel po' di dubbi. Così una mattina di TeleCookers, mentre con loro preparava le tagliatelle paglia e fieno, ha preso 100 grammi di impasto e ha preparato queste tagliatelle al caffè. Che dire, sono buonissime! Alla fine Aiu' si è pure pentita di averne fatto solo 100 grammi. La ricetta originale la trovate qui.

Tagliatelle al caffè
Ingredienti (per 1 Aiu'):

  • per la pasta
    • 100 g di farina
    • 1 uovo
    • 5 g di polvere di caffè
  • per il condimento
    • 50 g di formaggio caprino 
    • 20 ml di latte 
    • 20 g di panna 
    • 20 g di burro
    • 15 g di nocciole 
    • 1 g di polvere di caffè
    • sale
    • pepe
Preparazione:
  1. Mischiate la farina con la polvere di caffè e quindi impastare con l'uovo sino a ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla, coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare 1 ora.
  2. Stendete la pasta  sul piano di lavoro leggermente infarinato usando prima il matterello e poi la macchina della pasta (passando tutti i numeri sino al penultimo, 1 volta). Infine, passate l'impasto nell'accessorio per le tagliatelle, 
  3. Per il condimento, spezzettate il formaggio caprino e mettetelo in un pentolino insieme al latte e alla panna. Aggiungete sale e pepe a gusto e mescolate gli ingredienti finché non ottierrete una crema vellutata e densa. 
  4. Cuocete le tagliatelle 2 minuti e fatele saltare 1 minuto nella salsa con burro e nocciole spezzettate.
Interessante scoperta!

giovedì 8 aprile 2021

Fattoria consapevole e solidale - Il latte e i suoi derivati: Latte

 

Che la nostra Trattora va pazza per la meringa non è un segreto. Così a nessuno risulterà strano sapere che tempo fa, mentre si trovava in fila in una delle più famose horchaterie di Barcellona per provare la famosa horchata (che non traduciamo "orzata" perché non è esattamente la stessa cosa e ci piace risaltarne l'origine spagnola), lesse nel menù "leche merenguada" e pensò "ma quale horchata, io voglio quella!". Detto, fatto (non sarebbe la nostra eroina, altrimenti). Da allora ogni volta che è in fila per una orchata, sa benissimo che la leche merenguada avrà, ancora una volta, la meglio

Così per la nostra fattoria, dopo aver parlato di tanti derivati, diamo giusto onore a ciò da cui tutto nasce: il latte! Ricetta facile facile presa da qui.

Leche merenguada
Ingredienti (per 1 litro):
  • 500 ml di latte
  • la buccia di 1 limone
  • 1 stecca di cannella
  • 75 g di zucchero
  • 2 albumi
  • cannella in polvere
Preparazione: 
  1. Sbucciate il limone senza la parte bianca della buccia (che renderebbe amara la bevanda). In un pentolino, riscaldate il latte con la buccia del limone, la stecca di vaniglia e 45 g di zucchero. Quando inizia a bollire, togliere dal fuoco e lasciare in infusione per circa 15 minuti. Colate il latte tiepido e mettetelo in un contenitore termico chiuso. Mettete in frigo e, quando è completamente freddo, trasferitelo nel freezer. 
  2. Dopo circa due ore, trituratela con un frullatore, rimettetela in freezer e ripetete lo stesso processo altre due volte. 
  3. Montate gli albumi a neve e quando raggiungono il punto di neve, aggiungere 30 g di zucchero e montare la meringa. 
  4. Aggiungete la granita di latte alla meringa a poco a poco per non perdere l'aria della meringa. Servite immediatamente nei bicchieri e spolverate con un po' di cannella.
Provatela!

giovedì 1 aprile 2021

Fattoria consapevole e solidale - Il latte e i suoi derivati: Burro

 

Il giorno che la nostra eroina apprese a fare il latticello, imparò anche che la panna che impazzisce si smonta in due sotto-prodotti (due derivati, appunto) del latte/panna: latticello e burro. Così se cosa fare con il latticello era chiarissimo, dato che da lì iniziò tutto, cosa fare col burro lo divenne grazie (ancora) alla, o per colpa della, Escuela MasterChef España. Sapete di quelle cose che vi fanno vedere nei corsi di cucina e voi siete lì scettici che pensate "e secondo te ho tempo di preparare questa cosa?" oppure, se siete iper-salutisti, potreste anche dire "tutte quelle calorie in un colpo solo?". Ma siccome Aiu' è curiosa di natura, ha voluto provare, pur sapendo che il gioco non valeva (troppo) la candela e consapevole del fatto che avrebbe dovuto camminare parecchio per smaltire la colazione. Questo dolce più che in dispensa si conserva in frigo e noi lo consigliamo per una colazione dei campioni, magari con molto freddo o in seguito a una perdita calorica di rilievo... Tutte cose che non corrispondono alle circostanze in cui ha mangiato questa colazione la nostra Aiu', ma si sa che la gente da sempre buoni consigli.

Burro dolce con fragole
Ingredienti:
  • Burro
  • Fragole
Preparazione:
  1. Togliete il burro dal frigo qualche ora prima di iniziare.
  2. Tagliate le fragole a pezzetti e mischiatele con il burro prima con una spatola e poi con il frullatore a immersione. Mischiare bene sino a ottenere un composto omogeneo.
  3. Involgere il burro con le fragole con pellicola trasparente dandole forma di un cilindro o mettete il burro in uno stampo in silicone per avere porzioni individuali.
  4. Servite spalmato sul pane.
Ok, provato!

giovedì 25 marzo 2021

Fattoria consapevole e solidale - Il latte e i suoi derivati: Formaggio di capra



Continuano le ricette conosciute e imparate durante la Escuela MasterChef España. Questa ricetta è di una semplicità quasi vergognosa e si prepara in 5 minuti. Potete quindi immaginare che questa non sia la ragione per cui Aiu' l'ha scelta per la Fattoria, anzi sarebbe stata motivo di scarto, conoscendo la nostra Trattora. La ragione per cui questa ricetta arriva qui è che volevamo presentarvi un uso diverso della cotognata. Aiu' la cotognata l'ha sempre mangiata da sola (esiste ancora il parallelepipedo di cotognata che si mangiava a morsi?) o al più nel panino, a mo' di merenda o di pseudo-dolce. Mai nella sua infanzia avrebbe pensato di accompagnarlo con del formaggio e di farci un secondo piatto. Che poi, va anche detto che la nostra eroina non è proprio una fan della cotognata :-) L'accostamento ci è piaciuto e, considerata la frase precedente, vi facciamo sapere che la nostra eroina ha rivalutato la cotognata, rimane da capire che cosa farà con quella rimasta

Millefoglie di cotognata e caprino

Ingredienti
  • 600 g di cotognata
  • 600 g di formaggio di capra fresco
  • 150 ml di vino Manzanilla (o un qualunque vino dolce) 
  • 100 ml di aceto di Jerez
  • olio extravergine d'oliva
Preparazione:
  1. Prima di tutto preparate l'emulsione per il condimento. In un pentolino mettete il vino e il sale e portate a ebollizione. Aggiungete quindi l'aceto e fate ridurre la salsa. Una volta ridotta, togliete dal fuoco, lasciate intiepidire, aggiungetevi l'olio ed emulsionate il tutto con una forchetta.
  2. Togliete la crosta del formaggio e tagliatelo in lamine di un dito di spessore, tutte delle stesse dimensioni.
  3. Effettuate la stessa operazione con la cotognata, avendo cura di tagliare le fette dello spessore e larghezza del formaggio.
  4. Preparate il piatto alternando il formaggio e la cotognata e condite con l'emulsione.
Facile ma interessante

mercoledì 17 marzo 2021

Fattoria consapevole e solidale - Il latte e i suoi derivati: Quattro formaggi

 

Molte volte Aiu' ha giocato con Gaber (e pure Silvestri) cantando o citando "io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono"... Dobbiamo però dire che ogni volta che si parla di cucina con amici, si va a un ristorante (o si andava...) o anche solo si prepara una ricetta in compagnia (come da un anno a questa parte coi TeleCookers), Aiu' si sente italiana, eccome. Così seguendo i corsi della Escuela MasterChef España, uno dei suoi chef preferiti non poteva che essere italiano! Ecco così approdare questa ricetta di Fabio Morisi perfetta per la Fattoria, dato che usa ben quattro formaggi. Astenersi persone a dieta...

Ravioloni ai quattro formaggi
Ingredienti (per 4 persone non a dieta):
  • per la pasta
    • 300 g di farina di grano tenero
    • 3 uova fresche
    • 1 pizzico di sale
  • per il ripieno
    • 70 g di mascarpone
    • 100 g di ricotta
    • 100 g di parmigiano
    • 80 g di gorgonzola
    • 1 tuorlo d'uovo
    • sale
    • pepe
  • per il condimento
    • pomodorini cherry
    • basilico
    • olio extravergine d'oliva
Preparazione:
  1. Per preparare la pasta, impastate la farina e le uova con un pizzico di sale. Lasciate riposare 15 minuti e dopo stendetela con il matterello, a partir dal centro, verso l'esterno. Passare quindi l'impasto nella macchina per la pasta, sino al penultimo numero.
  2. Preparate il ripieno mischiando i quattro formaggi e l'uovo.
  3. Mettere un cucchiaio di ripieno sulla sfoglia e coprire con un'altra sfoglia di pasta. Tagliate quindi i ravioloni che dovranno essere di circa 6 x 6 cm. 
  4. In una pentola, portate a ebollizione abbondante acqua salata e versatevi i ravioloni. Cuocete per 2 minuti e poi scolateli con la schiumarola e fateli saltare in una padella in cui avrete fatto saltare dei pomodorini cherry tagliati a metà in poco olio. Impiattate e decorate con una foglia di basilico. 
Piatto ricco mi ci ficco