domenica 13 giugno 2021

Fattoria consapevole e solidale - La frutta fresca: Limoni

 

Se la memoria non la inganna, il primo lemon curd che provò Aiu' fu a casa di Uncle, trasferitosi da poco a Londra. Fu amore a primo assaggio e così lui ne portò con sé al viaggio successivo e la nostra eroina decise di usarlo per la sua buonissima cheesecake


Cheesecake che arrivò ai palati dei Gamberotti, sempre molto selettivi in fatto di cibo (del resto il loro scopo nella vita era (ed è) proprio quello di essere critici culinari). La lemon-curd cheesecake fu un altro amore a primo assaggio, soprattutto per UB. Così qualche anno dopo, in previsione di una sua visita a Barcellona, fece recapitare in Trattoria un pacchetto con dentro un vasetto di lemon curd. Nessun biglietto, ma un chiaro messaggio subliminare "sto arrivando, prepara la cheesecake". Aiu', ovviamente, non si tirò indietro.

Nonostante questi grandi amori, la nostra eroina non aveva mai pensato di preparare il lemon curd in casa. Da un parte credeva fosse una ricetta impegnativa, dall'altra la paura di non sapere che farci con il lemon curd in frigo. Però quanto iniziò a pensare a la salsa/confettura da preparare per la Fattoria con la frutta fresca, ecco che il grande amore si è fatto sentire. Siccome poi niente accade per caso, quando i TeleCookers hanno scelto ricette a base di frutta per celebrare l'anno internazionale della frutta e verdura, la piccola Maria ha proposto un coulant di lemon curd e meringa, senza (ovviamente) sapere che cosa fosse il lemon curd. Insomma, ieri la nostra eroina ha preparato coi TeleCookers il lemon curd per il coulant (buonissimo!!!) che vedete qui sotto e oggi, anche se questo incasina i piani e gli ordini prestabiliti da Aiu' per le ricette della Fattoria, eccovi la ricetta del lemon curd (praticamente uguale a quel primo assaggiato ormai 10 anni fa).


Lemon curd
Ingredienti:
  • 5 tuorli d'uovo
  • 2 uova
  • 110 ml di succo di limone
  • 110 g di zucchero
  • 60 g di burro
  • la buccia grattugiata di 2 limoni
Preparazione:
  1. Mettete in un recipiente resistente al calore, tutti gli ingredienti eccetto il burro. 
  2. Cuocete quindi a bagnomaria mischiando continuamente con la frusta fino a ottenere la consistenza di una crema.
  3. Raggiunta la giusta consistenza, togliete dal fuoco e aggiungete il burro tagliato a pezzetti e mischiando bene. Lasciate raffreddare prima di usare e conservate in barattoli ermetici e sterilizzati se non la usate subito.
Il momento giusto arriva sempre

venerdì 11 giugno 2021

Fattoria consapevole e solidale - La frutta fresca: Fragole


Care amiche contadine e cari amici che ci seguite, siamo arrivati alla frutta! Scusate, ma Aiu' ci teneva dire 'sta stupidata. In fondo sappiamo che voi l'amate anche per questo e lei non ha mai nascosto il suo lato naïve-nature-tontuElo :-)

Invece di iniziare come (quasi) sempre dal pane, stavolta andiamo dritti al primo piatto perché le fragole fra poco ci saluteranno e ci teniamo ad arrivare in tempo, visto che la nostra Fattoria ci insegna, tra le altre cose, a comprare ingredienti di stagione.

Non ricordiamo come Aiu' arrivò a scoprire questo risotto niente po' po' di meno che dalla cucina di Alessandro Borghese. Si sa, la curiosità è donna e Aiu' pure, quindi eccoci qui. Unica variante: il cava al posto dello champagne. Se vogliamo una cucina a km 0 e viviamo nella terra del (buonissimo) cava, questo cambio è d'obbligo. Non sappiamo che cosa ne pensi Borghese, ma in fondo all'eroina poco importa. L'unico che importa è che questo risotto sia buonissimo!!!

Risotto fragole e cava
Ingredienti:
  • 320 g di riso 
  • 200 g di fragole 
  • 1 scalogno 
  • 1 bicchiere di cava 
  • burro  
  • parmigiano 
  • brodo di pollo  
  • olio extravergine d'oliva 
  • pepe
Preparazione:
  1. Tostate il riso a secco con un filo di olio extravergine. Quando sarà adeguatamente tostato, aggiungete piano piano il brodo. 
  2. A parte, tagliate lo scalogno finemente e immergete le fragole tagliate a dadini nel cava. 
  3. In un tegame, fate soffriggere lo scalogno con una noce di burro, aggiungete le fragole a dadini e sfumate con un mescolo di brodo. Quando le fragole iniziano a sciogliere, frullate bene il tutto con un mixer ad immersione.  Incorporate il composto al risotto. 
  4. Terminata la cottura del riso, mantecate con burro e parmigiano grattugiato. Lasciate riposare un paio di minuti prima di servire. 
Fragole buone buone

martedì 8 giugno 2021

Fattoria consapevole e solidale - I semi oleosi: Mandorle e Nocciole


Pensando a una salsa ricca di semi oleosi, l'italiana Aiu' ha pensato a un pesto (e in effetti con il primo piatto è andata in quella direzione), ma poi l'anima catalana le ha chiesto "e perché non omaggiamo la tua terra d'adozione e proviamo a preparare la salsa più catalana che conosciamo?". Detto e fatto (convincere Aiu' in fatto di provare nuove ricette non è mai difficile). 

Questa salsa, tipica catalana, è buonissima con la carne arrosto e si usa normalmente per accompagnare gli altrettanto catalani calçots, dei cippollotti da mangiare rigorosamente alla brace. Qui sotto la foto delle due ultime calçotade della nostra eroina (correva l'anno 2020, Febbraio e Marzo...), in attesa che il prossimo inverno si possano riprendere le buone abitudini.



Un'altra maniera di usare questa salsa è per accompagnare un altro piatto catalano, la escalivada. Per motivi stagionali, visto che gli ortaggi per la escalivada arrivano giusto in questi giorni e noi abbiamo preparato questa ricetta con un leggero anticipo, noi questa salsa ve la proponiamo con dei chips di tuberi misti: patata, patata dolce (il boniato), carota e yucca

Salsa romesco
Ingredienti:
  • pomodori maturi
  • 1 testa d'aglio
  • 2 ñoras (un tipo di peperoncino che si vende secco o sott'olio)
  • 15 g di mandorle tostate
  • 15 g di nocciole tostate
  • 1 fetta di pane
  • 250 g di olio extravergine d'oliva 
  • 100 g di aceto
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 cucchiaino di sale
Preparazione:
  1. Per prima cosa, mettete a reidratare le ñoras, mettendole in ammollo dalla notte prima. Togliete quindi i semi e spellatele.
  2. Arrostite i pomodori e l'aglio al forno a 200º C per circa 15-20 minuti. Spellate quindi i pomodori e gli spicchi dell'aglio. Fate raffreddare. 
  3. Sbuccia le mandorle e le nocciole tostate e tostate la fetta di pane. 
  4. Mettete i pomodori, l'aglio, le ñoras, le mandorle, le nocciole e il pane in un bicchiere frullatore con l'olio e l'aceto. Infine, aggiungete la paprika e il sale. Finite di frullare e aggiustate di sale e aceto, se necessario.
Soc una mica catalana

martedì 1 giugno 2021

Fattoria consapevole e solidale - I semi oleosi: Nocciole


Tra i 4 follower che ci seguono con costanza e affetto e che si leggono i preamboli della nostra eroina, probabilmente ci sarà almeno 1 che si ricorderà che al giro precedente Aiu' aveva pronosticato che la torta che non le riuscì per il compleanno de su Hija, sarebbe stata fatta ora... Succede però che qualche sabato fa coi TeleCookers prepara dei buonissimi eclair ripieni di crema pasticciera alla nocciola. Parte della crema pasticciera sopravvive agli eclair ed è lì in un contenitore di vetro che passa il fine settimana guardando la nostra eroina ogni volta che apre il frigo. 


Il monologo di Aiu' con la crema fu qualcosa di questo genere "Cara crema, non ti posso certo buttare, ma la nostra relazione non può finire con me seduta davanti al televisore mangiandoti a cucchiaiate. C'è bisogno di una svolta.". Così la domenica sera, la svolta. La crema pasticciera finisce come ripieno di un buonissimo rotolo al cioccolato e la relazione dura ancora qualche giorno con le colazioni della nostra eroina di fiducia.

Rotolo nocciolato
Ingredienti:
  • per la base 
    • 4 uova 
    • 4 cucchiai di zucchero 
    • una presa di sale 
    • 3 cucchiai di farina 
    • 3 cucchiai di maizena 
    • 2 cucchiaio di cacao in polvere
  • per la crema pasticciera alle nocciole
    • 500 ml di latte 
    • 190 g di nocciole tostate e tritate 
    • 60 g di farina 00 
    • 16 g di zucchero
    •  2 Tuorli d'Uovo 
    • 2 bustine di vanillina
  • zucchero a velo
Preparazione:
  1. Scaldare il forno a 200 gradi. Separare i tuorli dagli albumi. Montare a neve gli albumi con 2 cucchiai di zucchero e una presa di sale. Sbattere i tuorli con gli altri due cucchiai di zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Mischiare la farina e la maizena e setacciarle sul composto di tuorli e zucchero. Amalgamare con cura. Aggiungere man mano gli albumi montati a neve. Infine, aggiungere il cacao. Rivestire una leccarda con della carta da forno e coprirla con l'impasto.
  2. Infornare per ca. 10 minuti. Togliere dal forno e rivoltare su un canovaccio su cui avrete spolverato dello zucchero a velo. Togliere accuratamente la carta da forno. Lasciare raffreddare. 
  3. Intanto preparate la crema. Unite nel mixer le nocciole con 60 ml di latte e lo zucchero. Frullare a velocità massima fino ad ottenere una crema omogenea. Versare il composto in una pentola abbastanza alta e aggiungere i due tuorli precedentemente sbattuti. Mescolare in modo da far amalgamare gli ingredienti. Unire la farina setacciata, le bustine di vanillina e il restante latte a filo sempre mescolando. 
  4. Cuocere la crema ottenuta a fuoco basso per circa 6 minuti, mescolando con continuità. Quando la crema pasticciera alla nocciola avrà raggiunto la giusta densità, toglierla dal fuoco e lasciar raffreddare.  
  5. Spalmare la crema uniformemente sulla base del rotolo e avvolgerlo con cautela. Mettere in frigo per almeno 1 ora. Spolverare con zucchero a velo prima di servire.
C'è sempre una soluzione!

martedì 25 maggio 2021

Fattoria consapevole e solidale - I semi oleosi: Noci pecan e semi di sesamo


Per questa tappa oleosa, la nostra eroina aveva deciso che voleva usare le noci pecan, visto che a parte sgranocchiarle (con parsimonia, che è a dieta!) di quando in quando, la nostra eroina non aveva in mente tante ricette. Così ha googolato e ha trovato questa. Facendo di necessità virtù, la nostra eroina ne approfitta anche per presentarvi i buns libanesi, visto e considerato che portano dentro la salsa tahina, ricca di semini di sesamo e con altri semini messi lì sopra che, se guardate bene, vi salutano da dietro.

Per la cronaca, con questi bun, la nostra eroina il 17 Marzo aveva celebrato su IG il 14-simo anniversario della nostra amata Trattoria.


Hamburger di manzo e noci pecan con bun libanesi
Ingredienti (per 4 hamburger):
  • Per i bun
    • 700 g di farina 0
    • 400 ml di latte
    • 100 g di burro
    • 2 uova
    • 3 tuorli
    • 50 g di salsa tahina
    • 25 g di amido di mais
    • 25 g di zucchero a velo
    • 7 g di lievito in polvere
    • 2 cucchiaini di sale
    • semini di sesamo
  • Per gli hamburger
    • 600 g di manzo macinato
    • 200 g di noci pecan
    • 1 cipolla bianca
    • 2 cucchiai di prezzemolo
    • sale
    • pepe
  • Per farcire
    • 2 pomodori
    • 1 di cipolla rossa
    • olio di oliva extravergine
    • sale
Preparazione:
  1. Per preprare i bun, mettete il latte in un padellino e portatelo a ebollizione. Trasferitelo quindi in un recipiente capiente e fatevi sciogliere la salsa tahina. Lasciate raffreddare. Aggiungete quindi 1 uovo intero, i tuorli e il lievito. Battete bene e unitevi la farina, l'amido di mais, lo zucchero e impastate fino a ottenere un composto omogeneo.
  2. Formate una palla e lasciate riposare, coperta, per 15-20 minuti. Trasferitela sul piano di lavoro, spianate l'impasto, mettetevi sopra il burro tagliato a pezzetti e spolverate il sale. Lavorate con energia per circa 5 minuti, fino a che l'impasto diventa soffice e il burro è completamente integrato. Formate una palla, mettetela nel recipiente, coprite e fate riposare per circa 90 minuti, fino al raddoppio.
  3. Dividete l'impasto in pezzi da 125 g e formate delle palline (o dategli forma di salsicciotti). Mettete sopra la teglia, coperta di carta da forno, coprite con un panno e aspettate il raddoppio.
  4. Riscaldate il forno a 200º C. Spennellate i bun con 1 uovo leggermente sbattuto e mettevi sopra dei semini di sesamo, a gusto. Cuocete per circa 25 minuti, sino a doratura.
  5. Per preparare gli hamburger, in una ciotola mescolate la carne con 2 cucchiaini rasi di sale, uno di pepe, la cipolla bianca tritata finemente, il prezzemolo e le noci pecan sminuzzate. Amalgamate gli ingredienti e formate 8 hamburger, aiutandovi con uno stampo circolare per impiattare. 
  6. Scaldate una piastra (o in alternativa una padella unta d'olio d'oliva) e, prima di tutto, tostate leggermente i panini tagliati a metà, dalla parte della mollica.
  7. Ritirate i panini e cuocete gli hamburger per 2-3 minuti per lato a fuoco vivo.
  8. Farcite ogni panino con del pomodoro tagliato a fette, un hamburger e un po' di cipolla rossa tagliate alla julienne.  Condite con olio e sale. Accompagnate con patate fritte.

Piatto ricco mi ci ficco!